Gli EROI di Cefalonia e Corfù - Alessandro Barbero

Feb 16, 2024 71K 1K

Description

Alessandro Barbero racconta le gesta della divisione Acqui durante la Seconda Guerra Mondiale dopo l'armistizio del Re. L'esercito italiano e le conseguenze dell'armistizio; le reazioni dell'esercito tedesco già pronto a questa eventualità e ad occupare l'Italia e disarmare l'esercito italiano. 

Il destino più strano, quello della divisione italiane in istanza nei balcani, in Jugoslavia e in Grecia, in lotta contro la resistenza locale.

Comments (20)

author image
@vassallidibarbero Said: 3 Months 15 Days 4 Hours 25 Minutes ago

✅ Audiolibri di Barbero ▶ 30 giorni GRATIS - clicca qui: https://amzn.to/3IvHfzz

author image
@luigibrunomanzini253 Said: 3 Months 14 Days 12 Hours 58 Minutes ago

Mio padre capitano di una compagnia di mitraglieri motorizzati (con le famose Guzzi Falcone) di stanza nel Peloponneso, in un estate caldissima e umida, si ammalò di pleurite il 2 settembre del 1943, con la febbre a 40, venne rimpatriato all'ospedale militare di Brindisi (fu la sua salvezza dal massacro Greco), dove grazie alle poche ma efficaci cure, si riprese. La sveglia al mattino in ospedale era verso le 6, la mattina dell'8 settembre si svegliò e guardando l'orologio a cipolla che possedeva, erano le 9 passate. Uscendo dal camerone, trovò una confusione indicibile, soldati che festeggiavano l'armistizio, gente che scappava, ecc. Praticamente capì subito la gravità della situazione, lui da ufficiale pensò subito alle ritorsioni dei Tedeschi e quindi recuperando la pistola di ordinanza, con un gruppetto di altri soldati con le poche armi a disposizione, si dileguarono per le campagne brindisine, e attraverso le indicazioni e un foglietto scritto dal cappellano dell'ospedale, furono accolti da alcuni contadini, li vestirono con abiti modesti e poi essendo tutti del Nord, iniziarono la risalita dell'Appennino verso la fine di settembre, unitisi nel frattempo alle Brigate Fiamme Verdi Repubblicane Partigiane. Verso la fine di Ottobre, attestati in Val Nure entrarono definitivamente in quella compagnia partigiana. Mio padre che parlava inglese era incaricato di scortare con altri partigiani emiliani, ufficiali Americani in borghese, verso la Pianura padana nel tratto dalle colline tosco emiliane fino a Lodi o Crema, dove altri partigiani li portavano a Milano, per l'organizzazione dell'insurrezione finale. Non raggiunse ma la sua famiglia in Lombardia, per non metterla in pericolo, famiglia che ricevette in ottobre 1943 un dispaccio militare di ricerca e mandato di cattura, con tanto di sentenza di condanna a morte per diserzione, con le firme congiunte del tribunale militare e della Gestapo tedesca. nonostante 2 anni di clandestinità e sofferenza, è tornato a casa e il 29 aprile 1945 si è consegnato ai carabinieri della nostra città, per farsi registrare come condannato contumace. Il maresciallo lo fece chiudere in cella, per ovvi motivi, per ottemperare al provvedimento, ma lo stesso giorno, personalmente si recò alla prefettura, dove la condanna fu sospesa a firma del Prefetto e dopo poche settimane ottenne la grazia dal comando militare di Milano della liberazione !! Ogni volta che si parla di Grecia e della seconda guerra mondiale, provo emozioni forti nel ricordo dei racconti che lui mi fece quando ero bambino. La pleurite lo graziò per tanti anni, fino al 1992, quando morì di un tumore polmonare ❤❤

author image
@andros6872 Said: 3 Months 15 Days 5 Hours 17 Minutes ago

Grazie per questo video Professore.Mio padre era nell' Undicesima Armata, Divisione Acqui.Grazie❤Mio padre si unì ai partigiani

author image
@angelvoltera9221 Said: 3 Months 15 Days 3 Hours 4 Minutes ago

Grazie professore per questo video. Sono di Cefalonia e una grande amante d’ Italia. La fine di video era molto emozionante per me

author image
@phoenixwright725 Said: 3 Months 15 Days 4 Hours 58 Minutes ago

Un mio parente era a Cefalonia, riuscì a salvarsi dai tedeschi gettandosi in mare e togliendosi tutti i vestiti. È morto l'anno scorso, da ultra centenario

author image
@DionysoKostantinos Said: 3 Months 15 Days 4 Hours 54 Minutes ago

MIO NONNO ERA DI STANZA A PATRASSO E SI IMBARCÒ CON LA PROMESSA DI RIMANDARLO A CASA, MA IL VIAGGIO CONTINUÒ FINO A MAUTHAUSEN DOVE CI PASSÒ QUASI UN ANNO A FARE IL CAVATORE, PRIMA DI RIUSCIRE A FUGGIRE. ARRIVÒ A CASA CHE PESAVA 30 KILI.

author image
@Germains8 Said: 3 Months 15 Days 5 Hours 16 Minutes ago

Grazie mille, professore Barbero, per la Sua professionalità e competenza

author image
@cristycristinamartelli6684 Said: 3 Months 14 Days 16 Hours 34 Minutes ago

Grazie professore. Mio padre era nella Divisione Acqui, per lungo tempo si e' tenuto tutto quello che ha vissuto dentro...poi ha deciso che doveva essere raccontato ed e' andato a parlare della sua storia nelle scuole e nelle conferenze e sedi divulgative ed ha sempre messo in risalto l'importanza della PACE. Sulla sua storia ha scritto un libro. Solo da poco tempo si parla di loro.... gli eroi della liberta'.

author image
@paolapradella7406 Said: 3 Months 14 Days 15 Hours 42 Minutes ago

Grazie per il video professore ,mi ha ricordato i racconti di mio nonno che era a Corfù.Mi disse le brutture di quel tempo ma anche come strinse amicizia con un soldato tedesco quando la nave affondò, un amicizia durata una vita .

author image
@christianmorabito838 Said: 2 Months 28 Days 2 Hours 27 Minutes ago

signor barbero questo sarà un messaggio sgrammaticato e pieno di errori ma il contenuto verrà da profondo del mio cuore. Lei è andato in pensione, ma oggi non è andato in pensione un professore universitario oggi è andato in pensione un pezzo di storia dell italia e del mondo intero, un uomo che è riuscito a far appassionare un sacco di ragazzini alla storia. Purtroppo non avrò l’onore di assistere dal vivo a una sua lezione però ogni volta che studio storia la studio con leggerezza anche grazie a lei. Se da grande riuscirò ad inseguire uno dei miei sogni ovvero vivere grazie alla storia sarà anche merito suo. non posso che ringraziarla per tutto quello che ha regalato al mondo intero

author image
@robedakap Said: 3 Months 13 Days 5 Hours 35 Minutes ago

Mi è sempre piaciuta la storia ma Lei la rende ancora più bella e avvincente. Anche il modo di esporla con battute è coinvolgente. Anche io cerco nei miei video di usare un linguaggio simile. Grande!

author image
@arjandino9106 Said: 3 Months 15 Days 1 Hours 58 Minutes ago

Sicome sono un fan del professore gli seguo con molto interesse i suoi video sul Youtube. Devo ricordare però, aproposito dei italiani che hanno combattuto nelle file partigiane, che oltre a quelli con partigiani jugoslavi c'erano anche dei altri che hano combattuto ai fianchi dei partigiani albanesi. Loro arrivassero al ordine di alcune centinaie di militari italiani forse alla fine della guerra anche di qualche migliaio. C'e stato persino un battaglione di militari italiani che portava il nome di Antonio Gramsci (che oltretutto era di origini albanese), nonche alcune baterie di montagna disperse nelle brigate partigiane albanesi che alla fine del '44 numeravano 50 mila unitá su una popolazione di soli 1.2 milioni di abitanti. Molti altri avevano trovato rifuggio nelle famiglie albanesi che gli hanno proteti e nascosti dai tedeschi.

author image
@alessiaguccini5068 Said: 3 Months 14 Days 21 Hours 37 Minutes ago

Ero molto piccola ma mi ricordo un racconto terribile di mio nonno che era stato a Cefalonia. Gli fecero scavare fosse comuni si salvò grazie all'intervento del cappellano militare e insieme a pochi altri fu mandato in campo di concentramento. Era meccanico quindi lo utilizzarono per lavorare. Quando ci fu l' occasione di tornare in Italia per la Repubblica sociale la prese al volo ma non ci arrivò mai perché scappò. Mio padre era piccolo ma si ricordava di un uomo nascosto sulle colline di Sanremo che gli avevano detto essere suo zio in realtà era mio nonno. Papà si ricordava di aver assistito ad un incontro notturno con sua madre e suo "zio" e persone mai più viste...lo "zio" viveva nascosto in una buca... solo da adulto mio papà capì che aveva assistito ad un incontro con i partigiani

author image
@giuseppeargentiero9792 Said: 3 Months 15 Days 4 Hours 17 Minutes ago

Non dimentichiamo anche gli eroi di Leros e Kos. Mio.nonno era nel 10° reggimento fanteria a Kos. Dopo 3 giorni di scontri a fuoco furono tutti fatti prigionier. Gli ufficiali (108) furono assassinati e sepolti in fosse comuni. I soldati furono deportati come IMI. Mio nonno finì in un campo di concentramento in Serbia. Sopravvisse alla guerra e tornò in Italia dopo tantissime peripezie. Per chi avesse avuto un parente internato nei campi nazisti potete richiedere la medaglia d'onore. Se volete un aiuto a richiederla sono a disposizione.

author image
@StefaniaMarcon-qh2jh Said: 3 Months 11 Days 8 Hours 15 Minutes ago

Grazie professore per questo video. Quando verrà a Treviso per un’altra lezione

author image
@michelerigo4913 Said: 3 Months 15 Days 5 Hours 7 Minutes ago

Luigi Ferrari,reduce di Cefalonia,nei miei ricordi di bambino quei pochi racconti mi riempiono ancora di terrore,un grande uomo e un grande lavoratore. La prima resistenza? Chissà,alla fine i morti hanno una sola sicurezza,quella di non essere più vivi.

author image
@gvrifiedsci7315 Said: 3 Months 6 Days 12 Hours 38 Minutes ago

Spesso ci si dimentica di questi eventi nella storia

author image
@antoniocostantino7307 Said: 3 Months 8 Days 12 Hours 7 Minutes ago

Torno a Cefalonia ogni estate, anche due volte l'anno, emozionato dalla storia e da quello che è successo su quell'isola che amo tanto. Ora i ricordi si stanno perdendo, le generazioni cambiano e si tende a dimenticare, ma vi garantisco che quella tragedia è ancora viva nei ricordi di chi all'epoca era poco più che bambino. E ogni anno porto il mio saluto e la mia preghiera ai quei 10000 figli di mamma che non sono più tornati a casa. Lo faccio recandomi al sacrario che è lì a perenne ricordo. Per chi volesse vivere in parte quelle emozioni vi consiglio, se vi va, un bel film. Il Mandolino del capitano Corelli, interamente girato sull'isola di Cefalonia, con Nicholas Cage e Penelope Cruz.

author image
@arjandino9106 Said: 3 Months 15 Days 1 Hours 42 Minutes ago

45 anni fa ho visto la tomba di un ex militare italiano di nome Giusepe, (che aveva lotato con i partigiani) caduto in bataglia, sepolto vicino ai suoi compagni partigiani albanesi caduti nella stessa bataglia contro i tedeschi. Mio padre aveva combatuto la guerra con lui cosi come con un altro militare italiano il qui nome di bataglia faceva Sula. Quel ultimo aveva visitato Albania dopo la guerra e cosi mio padre l'aveva incontrato di novo.

author image
@ileanaghione5720 Said: 3 Months 125 Minutes ago

Vorrei aggiungere quello che mi raccontava mio padre soldato di fanteria della Divisione Acqui di stanza in Grecia che si salvò dal massacro perché ricoverato a Patrasso in ospedale e in seguito deportato in Germania in campo di concentramento. Sopravvissuto per le sue capacità lavorative ma tornato pelle e ossa e con problemi di salute pesanti. Per troppo tempo la Divisione Acqui non si poteva nominare e le ripetute richieste inoltrate da mio padre per ottenere una pensione di guerra vennero sempre respinte. Solo dopo la sua morte ho capito il perché e il suo dispiacere mi fa ancora male. Grazie professore per aver parlato dei nostri soldati che sono stati vittime dei generali e poi dei tedeschi!