Regni romano-barbarici , Alessandro Barbero a "Passato e presente"

Mar 19, 2023 53K 869

Description

Regni Romano Barbarici, una trattazione che va dalla guerra Gotica alla data del 476 con Odoacre e la caduta di Romolo Augustolo, riconosciuta nella storia come la caduta dell'Impero Romano. Una data in realtà più simbolica che di reale cambiamento. Franchi, Visigoti, Longobardi, Sassoni assumeranno il potere nelle varie aree europee che avrebbero poi formato i regni dell'alto Medioevo. Una period che verrà interrotto soltanto con la riunificazione di Carlo Magno, che durerà però solamente il periodo della sua vita. Un declinio verso il periodo medievale che arriva gradualmente, portato dalle varie guerre, dall'impoverimento culturale e materiale dovuto alla dissoluzione della grande organizzazione romana.

Regni romano-barbarici , Alessandro Barbero a "Passato e presente" - Suggested books
Claudio Azzara

A partire dai secoli quarto e quinto si verificò, negli immensi spazi compresi fra l’Asia e l’Europa, un vasto processo di spostamenti a catena di popolazioni le quali finirono, dopo un vario e lungo peregrinare, per stabilirsi in sedi diverse da quelle d’origine, trasformando in profondità gli assetti del mondo allora noto. Il libro ripercorre le complesse vicende che portarono alla sostituzione dell’impero romano d’occidente con una pluralità di regni barbarici assai eterogenei e di disuguale durata, fino agli estremi fenomeni migratori che investirono lo spazio europeo nei secoli decimo e undicesimo. Una chiara esposizione che si inserisce in un filone di indagine storica assai vivace e innovativo.

Stefano Gasparri

La conquista franca, la creazione del primo impero medievale e gli inizi della dominazione territoriale da parte della Chiesa di Roma: questi tre avvenimenti, difficilmente prevedibili anche solo pochi decenni prima, cambiano profondamente la storia d'Italia alla fine dell'VIII secolo. Fra i protagonisti, gli sconfitti sono i Longobardi che con la loro lunga storia cadono nell'oblio. Stefano Gasparri recupera la loro memoria, presenta la società longobarda in tutta la sua complessità, senza trascurare i contatti e i rapporti – tutt'altro che eternamente conflittuali – avuti con la stessa Chiesa romana.
Un racconto affascinante che restituisce la complessità di quell'epoca e aiuta a liberarsi dai pregiudizi negativi nei confronti dei Longobardi.

Patrick J. Geary

La vera storia delle nazioni che hanno popolato l'Europa nell'Alto Medioevo non comincia nel secolo VI, bensì nel XVIII. Ciò non significa negare che in passato sia esistito un sentimento nazionale o di identità collettiva. Ma il clima intellettuale permeato di nazionalismo e gli scontri politici del secolo XVIII e del XIX hanno trasformato il nostro modo di vedere i gruppi sociali e politici al punto da rendere impossibile una visione "oggettiva" di ciò che furono le categorie sociali nell'Alto Medioevo. Proprio partendo da queste considerazioni, Geary ripercorre il tema dell'identità delle popolazioni barbariche e delle sue varie declinazioni in rapporto alla tradizione politico-istituzionale, giuridica e letteraria dell'Antichità classica e cristiana, in quei secoli cruciali che vanno dalla "caduta" dell'impero romano all'incoronazione di Carlo Magno.

Comments (20)

author image
@giuse7789 Said: 1 Months 3 Hours 26 Minutes ago

Grazie Barbara per questo video

author image
@moreno1105 Said: 5 Months 17 Days 12 Hours 33 Minutes ago

La tarda antichità è uno dei periodi storici più affascinanti, pieno di cambiamenti che condizioneranno tutto il medioevo !

author image
@giovannirotondo7744 Said: 1 Months 1 Days 21 Hours 13 Minutes ago

Eccezionale!

author image
@fb9010 Said: 5 Months 13 Days 18 Hours 51 Minutes ago

Miele che conferma quello che dice Barbero...adesso siamo tutti più sicuri

author image
@Error-xc9dh Said: 5 Months 9 Days 18 Hours 54 Minutes ago

Date la guida di questo programma a Barbero please!

author image
@agostinorebecchi9028 Said: 3 Months 1 Days 224 Minutes ago

BARBERO E' un grande!

author image
@RinascimentoCulturale Said: 5 Months 11 Days 15 Hours 1 Minutes ago

Sempre grande il nostro Barbero

author image
@stefanobouaabid7532 Said: 11 Months 22 Days 28 Minutes ago

Molto interessante

author image
@barrankobama4840 Said: 5 Months 4 Days 111 Minutes ago

Al minuto 0:50 viene detto che Odoacre avesse il titolo di "Re dei popoli barbarici in Italia". Esiste una fonte a supporto di questo titolo? Nelle corrispondenze con l'Imperatore Zenone il titolo di Odoacre e` "Dux Italiae". Victor Vitensis, storico suo contemporaneo, lo chiama "Rex Italiae" ma mi sempra la constatazione di uno stato di fatto, non un titolo effettivo. Non trovo esempi per il titolo citato nel video.

author image
@kempstoriaarcheo5114 Said: 5 Months 3 Days 8 Hours 31 Minutes ago

Che bellini, le chiamano "migrazioniiiii", che bravi che erano

author image
@GregorioGrasselli1972 Said: 5 Months 1 Hours 11 Minutes ago

28:10 come? "L'incoronazione di Carlo Magno come Re dei Franchi nell'800" ???

author image
@fb9010 Said: 5 Months 13 Days 18 Hours 40 Minutes ago

la faccia di Barbero quando ascolta sto tizio.....

author image
@landofw56 Said: 5 Months 17 Hours 52 Minutes ago

Romano-germanici, non romano-barbarici.

author image
@mariogenovesi4344 Said: 4 Months 1 Days 23 Hours 52 Minutes ago

Inesatto dire che l'Europa nasce con i regni che in realtà possono essere chiamati romano-germanici, in quanto i popoli che invasero l'Impero Romano d'Occidente erano quasi esclusivamente germanici, tra l'altro poco numerosi, non più di poche decine di migliaia di Visigoti, di Vandali, di Ostrogoti, di Longobardi per ogni singola orda, i Franchi, gli Alamanni, i Bavari rimasero a cavallo del limes, che peraltro quando fu istituito dalle legioni romane era già in territorio germanico, dato che i Germani vivevano già a cavallo di Reno e Alto Danubio. Tra l'altro l'asse demografico dell'Impero si era già spostato a nord a causa della desertificazione del Nord Africa, già all'epoca di Diocleziano le capitali occidentali, Milano e Treviri, erano più a nord rispetto a Roma. Il medioevo e quindi l'Europa forse cominciano con le migrazioni degli Slavi, i quali praticavano un'agricoltura più progredita delle popolazioni germaniche, e quindi erano più numerosi, più stanziali e quindi le loro società erano più stabili e solide.

author image
@marcoorlandini7227 Said: 5 Months 7 Days 23 Hours 12 Minutes ago

Barbero,come la " rughetta" .....

author image
@barbyconta3517 Said: 5 Months 25 Days 5 Hours 2 Minutes ago

Il video è molto bello pk secondo me le pare e come e organizzato sono perfette soprattutto per uno delle medie

author image
@MicheleToscan Said: 5 Months 18 Days 3 Hours 14 Minutes ago

Perchè poi mostrano Longobardi e Goti con delle armature rinascimentali del 1500, mah.

author image
@mucas3834 Said: 7 Months 3 Days 4 Hours 8 Minutes ago

Vi ofio porcodio

author image
@Mr24349 Said: 8 Months 6 Days 4 Hours 30 Minutes ago

Eppure, malgrado si sappia che la storia si ripete, continuiamo a non imparare 😮😢

author image
@firewall7611 Said: 5 Months 4 Days 13 Hours 9 Minutes ago

Barbero surclassa anche gli antenati di Mieli!